Una app per il Cammino Minerario di Santa Barbara

È stata presentata il 9 aprile, su Facebook e sul sito ufficiale, la app del Cammino Minerario di Santa Barbara

di Giulia Loi 

 

È stata presentata online nella sera del 9 aprile, su Facebook e sul sito ufficiale, la nuova app del Cammino Minerario di Santa Barbara, prodotta dalla società ItinerAria, che ormai da quindici anni lavora nella realizzazione dei cammini, sia da un punto di vista tecnologico sia della promozione.  Ha introdotto la diretta Giampiero Pinna, presidente della fondazione, che ha spiegato come ItinerAria abbia vinto il bando per la produzione dell’app. Il direttore commerciale della società poi, Stefano Marzotti, ha illustrato con un tutorial il funzionamento. L’app è stata sviluppata da ottobre ed è andata online negli ultimi giorni del 2020, ora è il momento del lancio al pubblico. Ha una serie di funzionalità che permettono di fruire di uno strumento operativo per chi cammina: la caratteristica fondamentale è sicuramente il fatto di poter scaricare le tracce del percorso anticipatamente per poterle utilizzare anche offline, in mancanza di connessione, possibilità in cui si può incorrere spesso in cammini di questo genere. Un valore aggiunto poi è la presenza di un navigatore in stile “google” che permette agli utenti di non perdersi e accompagna quella che è la segnaletica che già si trova lungo il sentiero.
La pagina iniziale dell’app permette di accedere a diverse opzioni: la prima è quella che presenta il percorso e lo divide per tappe, con la possibilità di scaricarle singolarmente, di accedere al percorso del navigatore ma anche di soffermarsi sulle varie località da visitare o sulle attività ricettive, ricavandone immediatamente le prime informazioni e con la possibilità di contattarle tramite numero di telefono ed e-mail. Altre due sezioni permettono di vedere i luoghi di interesse e le strutture ricettive autonomamente rispetto alla mappa, e di disporle in ordine alfabetico o in base alla distanza dal punto in cui ci si trova. Fondamentale, inoltre, la funzione “allarme fuori-traccia” che, quando attivato, indica al pellegrino se si sta allontanando troppo dal percorso segnato. Contiene inoltre la possibilità di segnalare direttamente alla fondazione – tramite un link preimpostato che garantisce l’invio automatico di una e-mail – eventuali ostacoli o problemi che possono trovarsi lungo il cammino così che la fondazione stessa possa prenderne atto e attuarsi per risolvere il problema o comunicarlo agli altri pellegrini. L’app contiene infine tutti i contatti relativi alla Fondazione e le news. Infine, il disclaimer, che spiega come l’app debba sempre essere usata con coscienza, osservando il paesaggio intorno a sé e non affidandosi alla tecnologia al 100%.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: