Dall’India a Iglesias: il dono delle Suore Francescane di San Tommaso

Le consorelle di San Tommaso, custodi del convento e del santuario della Madonna delle Grazie, sono in diocesi dal 2016

di Valeria Carta

Prosegue il nostro viaggio ideale tra le realtà di vita consacrata, e ancora questa settimana dedichiamo l’attenzione a una comunità francescana. In particolare a quella femminile delle suore di San Tommaso, presenti nel Santuario iglesiente di Nostra Signora delle Grazie.

Suore San Tommaso 001

La storia. Le consorelle francescane fanno parte di una congregazione, sotto tanti punti di vista, estremamente giovane. La stessa fu fondata in India dal Vescovo Mons. Thomas Fernando, il quale promosse la diffusione di un ordine religioso che prendeva ispirazione e esempio dall’apostolo Tommaso. L’incredulo discepolo infatti, fu il primo, secondo la tradizione, a portare il messaggio cristiano in India. La congregazione nacque ufficialmente l’11 febbraio del 1978, a Fathima Nagar, nella diocesi di Trichirapalli. In quell’occasione si festeggiava proprio il diciannovesimo centenario dall’arrivo in oriente dell’apostolo. L’india cristiana continua ad avere una venerazione tutta particolare per San Tommaso. Nella città di Madras, attuale Chennai, si conserva la tomba del santo, custodita all’interno della basilica omonima.
La comunità francescana si sviluppò originariamente come un istituto diocesano. Fu solo dopo 21 anni che Monsignor Lawrence S. Gabriel, durante il suo episcopato a Trichirapalli, approvò le regole della congregazione. Era il 21 novembre 1999. Successivamente la Santa Sede riconobbe la comunità femminile come un Istituito religioso.
La Casa Generale delle suore di San Tommaso si trova a Fathima Nagar, nella Diocesi di Trichirapalli, nello Stato del Tamil Nadu, uno dei 29 stati federati dell’India. Le religiose, in terra natale, godono della presenza di venti conventi in tre diocesi, e il Santuario di Iglesias è il primo e l’unico fuori dall’India. La missione principale delle suore di San Tommaso è quella di annunciare la Buona Notizia ai poveri e agli oppressi. Le comunità indiane sono tra le più ferventi nella fede e nello zelo, come dimostra anche l’atteggiamento instancabile di preghiera e servizio delle suore, che si occupano quotidianamente dei più bisognosi e soli. “La nostra congregazione è molto attiva, non solo con i bambini, ma anche nella cura dei malati”, infatti, tra le consorelle, molte sono infermiere e lavorano a contatto tutti giorni con i soggetti più indifesi, nei dispensari e nelle case di accoglienza. Spesso non si tratta solo di assistenza materiale ma anche e soprattutto spirituale. Quasi tutte le strutture nelle quali le suore sono presenti, sono situate nelle periferie delle città e dei paesi. In quei luoghi nei quali si incontrano spesso e volentieri i più emarginati della società.
Le due principali case delle suore in India sono dedicate a San Tommaso: la casa di Misericordia e la casa dell’Amore, dove ospitano numerosi bambini orfani o con genitori impossibilitati a prendersi cura di loro. In particolare la “San Tommaso casa di Misericordia” è stata fondata nel 1976 per ospitare le ragazze povere e le orfane. È stata affidata alle Sorelle Francescane di San Tommaso nel 1987. Tutt’oggi la congregazione si prende cura degli ospiti della residenza dando cibo, riparo e istruzione a tante giovani bisognose. Alcune di queste, oltre ai problemi di sopravvivenza, hanno subito violenze e necessitano pertanto di un forte sostegno morale. “Noi crediamo che l’impegno nell’educazione dei bambini poveri non sia mai un servizio inutile: tutti i bambini sono il futuro della società, del paese, del mondo in generale e delle nostre comunità cristiane”.

Suore San Tommaso 002

La comunità a Iglesias. Le suore di San Tommaso a Iglesias hanno portato con loro il carisma del padre fondatore, quello di prendersi cura del benessere fisico e spirituale degli abbandonati, dei fratelli socialmente discriminati e dei poveri e promuoverli ad una vita dignitosa. Svolgendo attività molto diverse rispetto a quelle che facevano in India, tuttavia le suore ottemperano a questa loro prima chiamata vocazionale.
La comunità oggi è composta da quattro consorelle, le due veterane, Suor Freeda e suor Pravina, giunte a Iglesias nell’ottobre del 2016, da Suor Jennifer, arrivata nel 2018, e da Suor Maria, nuovo acquisto, dallo scorso dicembre.
L’occupazione principale della comunità iglesiente è quella di prendersi cura del convento e del santuario della Madonna delle Grazie a loro affidato dai frati cappuccini. Le sorelle si occupano di organizzare nel migliore dei modi tutte le celebrazioni liturgiche ordinarie e straordinarie come la festa della Madonna delle Grazie. L’evento, che ogni anno attira nel santuario molti fedeli da tutto il territorio circostante, è una solennità particolarmente sentita non solo dalla cittadinanza ma anche e soprattutto dalla comunità religiosa. Il loro impegno si manifesta nell’animazione e coordinamento delle celebrazioni liturgiche, oltre che dei momenti di preghiera, e nelle varie opere religiose che vengono organizzate nel santuario.
Le suore di San Tommaso sono inoltre impegnate nelle attività di catechismo e di visita ai malati, della consociata parrocchia di Valverde. È in questi appuntamenti ordinari che le sorelle possono mettere a disposizione della comunità di fedeli tutta l’esperienza maturata già in India con bambini, anziani e malati.
Da poco più di un anno le religiose si sono fatte promotrici di un’iniziativa di solidarietà che mira a dare ai bambini meno fortunati affetto e cure materiali. Si tratta di un progetto di adozione a distanza che vede coinvolte circa 43 famiglie del territorio e altrettanti bambini che vivono negli orfanotrofi e case famiglia indiani. “Con l’aiuto del Signore, l’adozione a distanza è una meravigliosa opportunità per dare un futuro migliore ai bambini”. Le opere raccolte in Sardegna dalla congregazione sono volte ad attività di educazione delle giovani generazioni perché “quando si educa un ragazzo o una ragazza, si educano gli uomini e le donne di domani”.

Suore San Tommaso 003

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: