Buon compleanno don Daniele Agus!

In festa, a Carloforte, per i 90 anni del fondatore di Telemaristella e Croce Azzurra, l’affetto di tutta la comunità

di Nicolo Capriata

Ha battezzato e sposato generazioni di carlofortini. Don Daniele Agus ha compiuto 90 anni domenica 25 aprile. Dal 1954, appena ricevuto gli ordini sacerdotali, salvo un breve intervallo, ha sempre svolto a Carloforte la sua opera pastorale. Da quando scorazzava giovincello con la sua vespa (a Carloforte lo chiamavano in senso positivo “don Guappo”) ne ha fatto di strada. È diventato una figura preminente nella società isolana. Non fosse altro per quanto ha realizzato sul piano sociale oltreché religioso. Sua è l’idea e la fondazione della “Croce Azzurra” la società di pronto soccorso sempre pronta ad intervenire con bravura e puntualità in una cittadina priva nel senso letterario del termine di qualsiasi struttura sanitaria. L’associazione “Croce Azzurra” si è rivelata indispensabile per la comunità ed ora è un vanto del quale vanno fieri tutti i carlofortini. Una delle realtà veramente più belle della cittadina. Ma don Daniele non si è fermato qui. Ha creato Telemaristella, la prima televisione comunitaria sarda, passatempo per tanti isolani ma anche ascoltatori delle Messe alle quali non possono partecipare. Ma ha anche istituito, sull’insegnamento dei suoi predecessori, Don Pagani e Don Mario, la scuola magistrale parificata, dalla quale in tantissimi si sono diplomati. Per meglio capire di che pasta è l’uomo e il sacerdote giova ricordare un episodio marginale: quando fu posta la prima pietra del nascente oratorio (manco a dirlo opera sua) fece scrivere sulla prima pietra di questo lavoro “realizzato con il consiglio dei ricchi e con i soldi dei poveri”. Se queste sono le attività più appariscenti, altre forse meno rilevanti “Come la crociata della Bontà” ma ugualmente di grande interesse alla quale va da aggiungere la realizzazione dello “Zecchino d’oro” mini festival per bambini in erba, seguitissimo dai tabarchini e del quale ne sono state tenute ben 40 edizioni! Un personaggio così non poteva non entrare a buon diritto ad essere una figura di maggior spicco nella comunità carlofortina. Per giunta Don Agus è stato anche un buon scrittore, ha scritto diversi libri tra i quali “La storia religiosa di Carloforte”. Per i carlofortini così amanti della loro storia è stato un omaggio davvero notevole. Forse è per questo tutto insieme di cose che Don Daniele è molto stimato e ascoltato. L’ultima sua iniziativa? La realizzazione di un monumento ai caduti del mare che sono almeno un centinaio a Carloforte. Marittimi che hanno lasciato le lutto e nel dolore tante famiglie che nel naufragio hanno perso marito e figli. Uno zelo instancabile ha sempre contraddistinto la sua attività. Per questo e per altro ancora che tutta la comunità parrocchiana, il Sindaco, l’intera amministrazione comunale, i sacerdoti con in quali ha collaborato, i rappresentati di tutte le associazioni caroline, domenica sera si sono stretti festosi attorno a lui. Che dire ancora, oltre a ringraziarlo per quello che ha fatto? Auguri veri, caro Don Daniele.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: