Passa parola sui social per la pulizia de La Caletta

Un importante appuntamento che, dopo le recenti mareggiate, ha permesso di liberare la spiaggia sommersa da rifiuti di ogni sorta

di Nicolo Capriata

Tutto è partito dalla Toscana. Un’associazione di windsurf via social ha organizzato una giornata per la tutela e dell’ambiente marino. In men che non si dica attraverso il passa parola l’invito è stato subito raccolto. Appena il tempo necessario per un minimo di organizzazione e 64 associazioni soprattutto toscane, liguri, laziali e sarde si sono date appuntamento alle ore 10 di sabato scorso per la pulizia di una spiaggia. A Carloforte si è proceduto alla pulizia della spiaggia della Caletta che dopo le mareggiate dei giorni scorsi era stata inondata di plastiche, vetri e rifiuti di ogni sorta. Ad organizzare il tutto e velocemente la manifestazione nell’isola è stato Mario Maurandi, responsabile di una scuola di surf e supa, la ASD Supadventures Carloforte. “Siamo stati avvisati e invitati a partecipare a questa iniziativa solo tre giorni fa e ci dispiace se per la fretta non siamo riusciti a coinvolgere alcuni gruppi e associazioni. Ma la partecipazione dei carlofortini è stata grande e generosa” ha detto con soddisfazione. Negli intenti degli organizzatori ma anche delle associazioni partecipanti c’è quello di rendere almeno quadrimestrale questo appuntamento ed estenderlo a più sodalizi possibili. “Speriamo – ha detto ancora Mario Maurandi – di organizzarci a tempo per questi nuovi interventi e quindi con una partecipazione ancora più numerosa di quella di sabato scorso”. Nell’operazione della spiaggia de La Caletta è intervenuto anche il Comune tramite l’Ecocentro, che si è assunto l’onere di raccogliere tutti i rifiuti per convogliarli alle discariche autorizzate. Sicuramente una iniziativa importante per la difesa dell’ambiente marino e magari da ripetere più frequentemente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: