Vent’anni di amicizia nel segno della miniera

203 visualizzazioni
2 minuti di lettura

La delegazione della città tedesca di Oberhausen ha fatto visita a Carbonia e Iglesias per celebrare il ventennale del gemellaggio 

Carbonia, Oberhausen e Iglesias ancora insieme per rinnovare e rinsaldare un gemellaggio che le tiene unite da un patto di solidarietà e amicizia che compie esattamente 20 anni. Per celebrarlo, anche dopo anni in cui il Covid ha impedito i viaggi e la costanza di uno scambio culturale, una delegazione ha fatto visita a Carbonia e a Iglesias, cui la città tedesca è legata e accomunata da una altrettanto intensa storia mineraria.
Il sindaco Pietro Morittu insieme al sindaco di Iglesias Mauro Usai hanno accolto nei rispettivi Comuni la delegazione composta da Desbina Kallinikidou, funzionario e responsabile delle relazioni internazionali del Comune di Oberhausen, Gianni Manca, Presidente della Federazione dei circoli dei Sardi in Germania e Franco Sogus, Presidente del circolo di Rinascita di Oberhausen.
A dare loro il benvenuto nella due giorni anche le assessore alla Cultura di Carbonia e Iglesias, rispettivamente Giorgia Meli e Claudia Sanna, i presidenti del Consiglio Comunale di Carbonia e Iglesias, Federico Fantinel e Daniele Reginali, il vicesindaco del Comune di Carbonia Michele Stivaletta, gli assessori Roberto Gibillini, Stefano Mascia, Antonietta Melas, Piero Porcu e le consigliere Valentina Diaferia e Rita Vincis.
“Ripristiniamo in presenza uno scambio che di fatto non si è mai interrotto”, ha spiegato il sindaco Morittu che alla sala Polifunzionale ha ricordato le proficue esperienze di ospitalità e di studio tra gli allievi sardi e tedeschi per poi concentrarsi sul significato del gemellaggio nato nel 2002, con un pensiero ai tanti sardi che sono residenti ad Oberhausen.
“Abbiamo avuto il piacere – ha sottolineato il sindaco di Iglesias Mauro Usai – di accompagnare gli amici di Oberhausen nelle nostre città, per celebrare insieme vent’anni di amicizia, nel segno delle comuni radici minerarie e della condivisione di progetti sia nell’ambito della cultura che in quello della formazione per studenti e giovani lavoratori. Una maniera per rendere ancora più forte il rapporto di collaborazione e confrontarci sul futuro”.
Una risposta entusiasta e calorosa non si è fatta attendere da tutta la delegazione che tra giovedì 5 e venerdì 6 maggio ha visitato i luoghi fiori all’occhiello delle cittadine sulcitane. I propositi sul tavolo sono tanti per una crescita comune: da progetti integrati sul turismo, a quelli legati alla diffusione, conoscenza e valorizzazione dei prodotti tipici locali. Non è mancato anche il punto sull’aspetto dei percorsi di studio legati all’occupazione: “oltre alle vacanze studio dei ragazzi in estate che possono essere immediatamente ripristinate, si pensa a un progetto di interscambio sul lavoro”, ha fatto inoltre presente Desbina Kallinikidou, spiegando la situazione ad Oberhausen dopo la pandemia.
A settembre è previsto il secondo step dei progetti proposti con la visita istituzionale dei sindaci Morittu e Usai in Germania. Assai significativo che le due amministrazioni di Carbonia e Iglesias abbiano diffuso una nota stampa congiunta sulla visita degli ospiti germanici.

© Riproduzione riservata
Pubblicato su “Sulcis Iglesiente Oggi”, numero 17 del 15 maggio 2022

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: