Non solo catechismo, ma molto di più!

Resize 008

Iglesias. Celebrato nella parrocchia del Sacro Cuore il mandato del vescovo ai catechisti della diocesi

di Claudia Meloni
membro UCD Iglesias

Continua l’appuntamento annuale con il mandato del vescovo ai catechisti; quest’anno, diversamente dagli altri anni, il rito si è svolto nella parrocchia del Sacro Cuore di Gesù, domenica 17 novembre 2019. Sono arrivati in tantissimi nel nuovo oratorio annesso, il salone era al massimo della capienza.
È stato Don Emanuele Mameli, direttore dell’ufficio catechistico della diocesi di Cagliari, a far rinverdire ai numerosi catechisti della diocesi di Iglesias lo spirito dell’Evangeli Gaudium di Papa Francesco e a ricordare che è ancora utile uno strumento “Incontriamo Gesù” per l’annuncio e la catechesi in Italia.
Don Emanuele, con l’ausilio di diverse slide, che poi verranno messe a disposizione sul sito della diocesi nella sezione dell’ufficio catechistico, ha condotto i partecipanti a ritrovare il loro spirito missionario e l’adesione di fede a Gesù, fede gratuitamente ricevuta come dono del nostro battesimo e segno di appartenenza filiale a Dio, non come atto individuale ma ecclesiale e ci ha ricordato che la Chiesa è sempre in missione nel mondo.
Il cristiano riceve una chiamata speciale che si rinnova ogni giorno e la missione deve essere uno slancio, verso tutti, nessuno escluso, senza far differenza tra la vita in chiesa e la vita nel mondo, sempre con uno spirito di servizio partendo dal giorno del battesimo come inizio di quel percorso di progetti e tempi per l’annuncio, l’accompagnamento entusiasmante e costante per conoscere e gustare Gesù.
I catechisti sono al servizio dell’iniziazione cristiana, e non è sempre un percorso facile e senza intoppi essere cristiani nelle tappe della vita, ma attraverso i sacramenti – Battesimo-Cresima-Eucarestia – il catechista nella chiesa genera alla vita cristiana.
Lo scopo della catechesi è educare al pensiero di Cristo, alla bellezza di Gesù. Come? Il catechista non è un maestrino/maestrina non svolge una lezione, non interroga, non da il voto e non chiama a colloquio i genitori dei più svogliati, il catechista comunica la propria esperienza e testimonia il proprio incontro con una fede che accende i cuori perché immette in essi il desiderio di Cristo.
Non più solo catechismo ma molto di più! “Prima i catechisti e poi i catechismi” ci dice ancora Don Emanuele, tutta la comunità parrocchiale dovrebbe collaborare con la propria fede e la propria testimonianza, unitamente ai catechisti, all’annuncio perché il vero missionario non smette di essere prima di tutto discepolo di Cristo.
I partecipanti hanno seguito con vero interesse ed entusiasmo l’atmosfera per tutta la sera è stata familiare, festosa. La maggior parte dei catechisti si conosceva già dai precedenti incontri e campus formativi ma anche tra i nuovi arrivati, le “nuove leve”, i “giovanissimi”, il timore iniziale dovuto al conoscersi è svanito lasciando il posto alla gioia della festa.

Resize 010Resize 009

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: