Popoli e Religioni a confronto, incontro alla MEM di Cagliari

WhatsApp Image 2019-11-28 at 16.22.38

Un confronto tra religioni, alla luce delle aperture alla tolleranza ed al dialogo interreligioso in paesi come gli Emirati Arabi Uniti. Seguendo questa traccia si è tenuto giovedì 28 novembre a Cagliari, nella MEM – Mediateca del Mediterraneo, l’incontro dal titolo “Percorsi: Popoli e Religioni a confronto”.
Moderati dal giornalista Giampaolo Atzei, direttore di Sulcis Iglesiente Oggi, sono intervenuti don Mario Farci (docente della Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna), Federico Di Leo (ricercatore dell’Istat ed esponente della Comunità di Sant’Egidio) e padre Refat Michael Yousef Bdour, (direttore del Centro Studi Cattolico in Giordania). Ha portato il suo saluto l’assessore alla cultura del Comune di Cagliari, Paola Piroddi.
Tema centrale per tutto l’incontro è stato il Documento sulla Fratellanza Umana, sottoscritto nello scorso febbraio ad Abu Dhabi, in occasione del viaggio apostolico di Papa Francesco negli Emirati Arabi Uniti, dallo stesso pontefice e dal Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb. In particolare don Mario Farci ha posto l’accento sulla dimensione storica e teologica del dialogo interreligioso nella Chiesa cattolica, in particolare tra Cristianesimo e Islam, con l’importante passaggio della firma del Documento sulla Fratellanza Umana, 800 anni dopo l’incontro di san Francesco d’Assisi col sultano d’Egitto. Federico Di Leo ha invece ricostruito le vicende ed i protagonisti noti e meno noti che hanno condotto alla storica firma di Abu Dhabi, mentre padre Rifat Bader ha ripercorso quest’ultimo anno alla luce delle difficoltà che la Chiesa vive nel Vicino Oriente, lette dalla sua posizione di testimone diretto quale esponente della Chiesa in Giordania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: