I vescovi sardi: la campagna di vaccinazione non deve dimenticare nessuno

5 minuti di lettura

Nuova riunione a Donigala Fenughedu dei vescovi sardi, prosegue l’ascolto della Conferenza episcopale isolana di Istituzioni e realtà sociali

+ Corrado Melis
Segretario CES

Nella riunione svolta a Donigala Fenughedu lunedì 12 e martedì 13 aprile, la Conferenza Episcopale Regionale – riunita al completo sotto la presidenza di monsignor Antonello Mura – ha evidenziato motivi di preoccupazione per l’ulteriore diffusione del Coronavirus, in particolare per gli effetti drammatici che sta avendo sul lavoro, sull’economia e sull’educazione. Sul piano sanitario i Vescovi auspicano che la campagna di vaccinazione sia incrementata nei numeri e attenta alle persone più vulnerabili e fragili, oltre che organizzata territorialmente in modo da non dimenticare nessuno. Sottolineano ancora una volta la vicinanza della Chiesa alle persone in difficoltà, tramite soprattutto le Caritas diocesane: una prossimità concreta che sta dando risposta ai bisogni primari. Rammentando la recente Giornata nazionale in memoria delle vittime dal Covid-19, la Conferenza ricorda con commozione e ammirazione, tra le tante vittime che hanno colpito famiglie e comunità, anche i sacerdoti, le religiose e i religiosi della nostra Isola, esprimendo ancora una volta riconoscenza ai tutti coloro che si occupano con dedizione e professionalità dei malati negli ospedali, nelle case per anziani e nei luoghi di comunità.
In riferimento alla realtà della Chiesa in Sardegna, sono stati affrontati temi che riguardano il Seminario Regionale e la Facoltà Teologica. È stata rivista e aggiornata ulteriormente la Lettera che i Vescovi indirizzeranno, prima dell’estate, alle famiglie e ai sacerdoti su alcuni temi dell’esortazione apostolica di papa Francesco, Amoris Laetitia. Il documento avrà come titolo: “Tendere la mano alla famiglia”. L’intento è quello di sottolineare la bellezza del matrimonio sacramento, ma anche di accostarsi al cammino delle nostre famiglie accompagnandole con sereno discernimento a superare anche problematiche e ferite, che portano talvolta alla chiusura o alla separazione definitiva.
La Conferenza ha anche preso in esame e approvato il messaggio dei Vescovi in occasione dell’offerta dell’olio per la lampada votiva presso la tomba di S. Francesco ad Assisi, prevista il 3-4 ottobre. Nel corso della conferenza stampa del prossimo 6 maggio a Cagliari, sede del Seminario regionale, verrà presentato lo stesso messaggio e le iniziative collegate.
Tre altri argomenti sono stati affrontati dalla Conferenza: il tema della Liturgia e della Lingua sarda, percorso che procede e si approfondisce; l’attenzione alla nascita dei “Cammini religiosi o di destinazione di pellegrinaggio in Sardegna” e, infine, la proposta di istituire la “Giornata del carcerato”, giunta dalla Comunità La Collina di Serdiana, che è stata apprezzata e che verrà inoltrata alle Sedi competenti per una decisione.
L’assemblea dei Vescovi ha ricevuto inoltre comunicazione del verbale di elezione della nuova delegazione regionale dell’Azione Cattolica (2021-2024), approvando la nuova delegazione, composta da: Antonello Canu (Diocesi di Sassari) delegato regionale, Maria Rita Quartu (Diocesi di Oristano) segretaria, Gabriele Pisanu (Diocesi di Alghero-Bosa) e Daniela Melis (Diocesi di Cagliari) incaricati settore adulti, Michela Aime (Diocesi di Cagliari) incaricata settore giovani, Enrico Porcu (Diocesi di Ales-Terralba) articolazione Acr. Con la stessa modalità hanno accolto anche l’indicazione riguardante il delegato regionale del Meic (Movimento ecclesiale di impegno culturale) della Sardegna, approvando l’elezione di Luisanna Usai (Diocesi di Oristano). I Vescovi, auspicando una proficua collaborazione, porgono a tutti i migliori auguri di buon lavoro e apostolato.
La mattinata di martedì 13 è stata interamente dedicata dai Vescovi all’ascolto e al dialogo con alcune realtà sociali e istituzionali, continuando così un fruttuoso cammino di incontro e di coinvolgimento con le istituzioni locali. A inizio mattinata sono stati ascoltate le segreterie regionali dei sindacati: Gavino Carta per la Cisl; Francesca Ticca per la Uil; Samuele Piddiu per la Cgil. Successivamente il dialogo è proseguito con la Coldiretti, rappresentata dal presidente Battista Cualbu e dal direttore Luca Saba. Ultimo incontro, in video conferenza, con Alessandra Todde, viceministro allo Sviluppo economico del governo Draghi. Ogni audizione ha permesso un fruttuoso approccio alla situazione attuale e un confronto con le esigenze poste dalla Dottrina sociale della Chiesa.
Il prossimo incontro dei Vescovi si svolgerà il 22 giugno con la partecipazione degli incaricati Regionali degli ambiti pastorali.

 

Latest from Blog

Salvate la sanità sarda!

Sindacati, sindaci e numerosi cittadini in marcia dall’ospedale Santa Barbara al CTO di Iglesias, una mobilitazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: