“Rocketman”, al cinema una folle biografia dedicata ad Elton John

La stagione cinematografica che sta per concludersi è stata quella dei grandi film in musica. Pellicole di successo, che pur non abbracciando il musical in senso stretto hanno messo le canzoni e le vite degli artisti al centro della narrazione, grazie ad un notevole senso del ritmo e ad un piacevole effetto nostalgia. È il caso di “Bohemian Rhapsody”, straordinaria biografia in musica del mitico Freddie Mercury, di “A Star is born”, remake del classico “È nata una stella”, illuminato dalle interpretazioni di Bradley Cooper e Lady Gaga, e di “Rocketman”, la rock opera ispirata alla vita e alle canzoni di Elton John, nelle sale in questi giorni. Quello che colpisce maggiormente di “Rocketman”, diretto da Dexter Fletcher, è l’assoluta fantasia con cui l’autore si è accostato alla vita di Elton John. Un punto di vista visionario, che non abbraccia il flusso degli eventi seguendo un punto di vista rigidamente cronologico, ma procede per libere associazioni, puntando sulla verosimiglianza a scapito della rigorosa ricostruzione storica. Rispetto alle altre opere musicali che hanno scalato le classifiche degli incassi di quest’anno, “Rocketman” è il film più apertamente musical, grazie anche alla rilevanza preponderante delle interpretazioni canore, non relegate solamente alla ricostruzione dei concerti, ma inserite al centro delle scene chiave, nel mezzo del contesto narrativo. Il film diretto da Dexter Fletcher ha il pregio di non edulcorare gli aspetti sgradevoli di Elton John, dalle sregolatezze affettive, al difficile rapporto col padre, rigido e di vedute conservatrici, fino ad affrontare in maniera aperta la sua dipendenza dall’alcol e dalle droghe. Una pellicola riuscita anche per merito dell’attore principale, Targon Egerton, dotato di un’energia straripante, sia da un punto di vista recitativo che da un punto di vista canoro. Grazie alle sue interpretazioni, pezzi indimenticabili come “Sorry seems to be the hardest word”, “Daniel” ed “I’m still standing” rinascono a nuova vita, una gioia per i tanti fan di Elton John e per i tanti amanti della grande musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: