L’impegno della diocesi per la missione di Camp Garba

Domenica 21 ottobre si è celebrata la Giornata Missionaria Mondiale

Sempre maggiori le necessità della missione fondata in Kenya nel 1994

Comunicazione a cura dell’Ufficio Missionario della diocesi di Iglesias

Appello Camp GarbaNel mese di ottobre di ogni anno si celebra la Giornata Missionaria Mondiale, che quest’anno cade domenica 21. L’anno scorso si è celebrato il novantesimo anniversario dalla prima “Giornata Missionaria Mondiale”, che è stata fissata ogni penultima domenica di ottobre da Pio XI, per la propagazione della fede (propaganda fide), riconoscendo il mese di ottobre come mese missionario. Ogni anno la Giornata Missionaria Mondiale è una occasione per chiederci se anche noi facciamo qualcosa per aiutare i nostri fratelli più bisognosi. Seguendo lo spirito naturale della Chiesa “evangelizzare e non chiudersi in se stessa”, “andare da tutti gli uomini e da tutti i popoli per condurli alla fede di Cristo”, la diocesi di Iglesias, nel 1994 ha dato vita alla missione di “Camp Garba” in Kenya, gestendola direttamente con propri sacerdoti fino al 2010. Come ormai noto, dal 2010 la gestione locale della missione di Camp Garba è stata affidata ai padri della Consolata, già presenti in Kenya da oltre un secolo e bene organizzati e strutturati per la gestione di missioni in Africa.
La nostra diocesi rimane attivamente impegnata nella organizzazione delle attività della missione e nel sostegno economico necessario. Il contatto tra l’Ufficio missionario diocesano e i padri presenti a Camp Garba è continuo e le attività svolte in favore dei bambini e ragazzi che frequentano le nostre scuole, scuola materna, primaria (dalla prima all’ottava) e, per alcuni, scuola secondaria, sono ampiamente condivise e improntate allo spirito di continuità con quanto impostato dai nostri missionari fondatori (don Zusa e don Ballocco). Attualmente frequentano le nostre scuole oltre mille ragazzi, con classi sparse nei vari villaggi e nella sede principale di Camp Garba, dove sono iscritti più di 700 ragazzi, tra scuola materna e primaria.
camp garbaLe strutture scolastiche, realizzate per la maggior parte dai volontari della diocesi, non sono più sufficienti e i padri di Camp Garba ci chiedono continuamente di aiutarli a costruire altre aule, perché, soprattutto nella scuola materna, le classi sono molto numerose, con un numero di bambini per classe sempre superiore a quaranta. Anche le classi delle scuole primarie sono molto numerose, soprattutto quelle relative ai primi anni. Le richieste di iscrizione sono sempre in aumento, soprattutto per l’ottima reputazione di cui gode la scuola, da tutti ritenuta di alta qualità, e i padri non se la sentono di lasciare i bambini a casa, che non avrebbero altre possibilità di istruzione.
Anche se le necessità della missione sono sempre maggiori, oltre che per il numero sempre più crescente dei bambini, anche per il vertiginoso aumento dei prezzi che si è riscontrato anche in Kenya, grazie al generoso contributo degli sponsor che, con tanto sacrificio e ammirevole costanza, continuano a versare la quota di adozione a distanza, noi stiamo continuando a dare il sostegno economico, indispensabile per mantenere aperta la missione. Non vogliamo neppure pensare che un giorno, per mancanza di risorse economiche, si debbano chiudere le scuole, perché sarebbe un duro colpo per il futuro dei ragazzi che le frequentano e per tutti i lavoratori che prestano la loro opera per lo svolgimento delle attività. La nostra missione rappresenta anche la più grande opportunità di lavoro presente nella zona perché da lavoro a una cinquantina di persone, tra insegnanti e personale necessario per le altre attività (officina, falegnameria, attività di taglio e cucito, ecc.). Tutto questo è stato possibile finora, e ci auguriamo anche in futuro, grazie alla generosità dei benefattori, che continuano con grande entusiasmo a sostenere la missione con le loro donazioni, comportandosi da veri cristiani.
Tra i doveri del buon cristiano c’è, infatti, quello di dare il proprio generoso contributo per migliorare le condizioni di vita delle persone nei Paesi nei quali più gravi sono i fenomeni di povertà, malnutrizione, soprattutto infantile, malattie, carenze di servizi sanitari e per l’istruzione. L’evangelizzazione non può prescindere dalla promozione umana. Facciamo nostro l’augurio del Pontefice, che si auspica che la Giornata Missionaria Mondiale ravvivi in ciascuno di noi il desiderio e la gioia di andare incontro all’umanità portando a tutti Cristo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: