Sider Alloys, prima gli ex Alcoa

WhatsApp Image 2018-07-09 at 11.12.04
Lavoratori ex Alcoa in presidio a Portovesme. Foto di Federico Matta

Portovesme. Assunzioni nello stabilimento secondo il sistema dei “cerchi concentrici”

Sider Alloys, precedenza ai lavoratori ex Alcoa

di Federico Matta

I lavoratori dell’ex stabilimento Alcoa di Portovesme, avranno la precedenza nella ricollocazione al lavoro nello smelter di alluminio. Così è stato deciso durante l’ultimo incontro tra i vertici della Sider Alloys Italia, la società che ha rilevato la fabbrica di Portovesme e le rappresentanze sindacali degli ex lavoratori Alcoa, che si è tenuto nei giorni scorsi a Cagliari, nella sede provinciale della Confindustria. “Chi aveva prestato servizio sino al 2012, all’interno degli impianti industriali, ovvero, prima della data di messa in cassa integrazione del personale impiegato nella produzione di alluminio primario – ha spiegato Renato Tocco, sindacalista della Rsu Ex Alcoa – potrà rivendicare la priorità nel riottenere quell’impiego tanto atteso, dopo il licenziamento collettivo avvenuto nel 2014. Si tratta di un diritto sacrosanto, che siamo riusciti ad ottenere dopo tante trattative. questo perché ci pareva giusto rivendicarlo, a seguito delle tante battaglie fatte in questi anni dagli ex lavoratori Alcoa, per far ripartire quella fabbrica”. La selezione del personale, sia nella fase di riavvio dello smelter, sia nella successiva, quando si entrerà in pieno regime con la produzione del metallo, avverrà tramite il sistema dei “cerchi concentrici”. A parità di qualifica e per la mansione che dovrà essere svolta, l’azienda dovrà riassumere attingendo, prima dall’elenco degli ex diretti Alcoa, poi da quello del personale degli appalti, che fino alla data di chiusura svolgeva il proprio lavoro all’interno dei vari reparti dell’opificio. “Naturalmente – ha proseguito Tocco – se in questi elenchi, non si dovesse trovare del personale, con qualifiche per lo svolgimento di una specifica mansione, allora l’azienda potrà assumere non tenendo conto del sistema dei cerchi concentrici. E questo lo abbiamo bene evidenziato nell’accordo siglato in Confindustria, onde evitare altri incidenti diplomatici con la dirigenza Sider Alloys”. Intanto si attende la presentazione del Piano di revamping. Una serie di interventi strutturali sulle diverse sezioni dell’impianto industriale, con i quali sarà delineata poi la fase di riavvio delle produzioni di alluminio primario. “La Sider Alloys ha nominato un suo responsabile per le relazioni sindacali – ha concluso Renato Tocco – e questo in un certo senso ci rassicura, perché ci consentono di tenerci aggiornati sull’attuazione del Piano industriale e di vigilare meglio su tutto, sempre a tutela dei diritti degli ex lavoratori Alcoa”.


Pubblicato su “Sulcis Iglesiente Oggi”, numero 31 del 16 settembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: