San Giovanni Suergiu. Festa all’Auser con “Is Tzaraccas de Madama Lara”

Atto I is tzaracas

di Fanny Marongiu

Il 2 dicembre presso l’Auser di San Giovanni Suergiu si è svolta la festa dedicata ai settantenni e gli ottantenni. Grazie all’assiduo lavoro dei volontari e dell’Auser, la manifestazione ha avuto modo di svolgersi con successo anche quest’anno, a testimonianza del consolidato lavoro di gruppo. Ad aprire la manifestazione le parole e gli auguri del presidente Auser Fausto Locci: “Come Auser, anche quest’anno siamo orgogliosi di ospitare quest’evento che ha modo di svolgersi grazie al costante impegno dei volontari. Raggiungere i settanta/ottant’anni non è più così difficile, grazie a condizioni di vita migliori rispetto al passato – ha aggiunto Locci – gli esperti dicono si possano raggiungere anche i centovent’anni, ma in attesa di arrivarci viviamo gli anni che stiamo vivendo seguendo certi valori di vita e, con un pizzico di fortuna viviamo tranquillamente l’età che stiamo vivendo”. A seguire gli auguri da parte del sindaco Elvira Usai, dell’assessore alle politiche sociali e del lavoro Giampiero Cabras e di tutta l’amministrazione: “I settantenni e gli ottantenni sono una grandissima risorsa per la nostra società – hanno detto gli amministratori – la longevità in Sardegna denota un ambiente sano che comporta un altrettanto stile di vita sano, il problema però di questi tempi è la grande discrepanza tra anziani e giovani, la Sardegna è sempre più anziana perché i giovani senza lavoro emigrano e le nascite sono pari a zero, sarebbe pertanto opportuno applicare delle politiche che evitino lo spopolamento”.
La Sardegna è una regione ricca di risorse, madre di un’identità culturale da preservare e tramandare ai posteri attraverso la documentazione scritta; a San Giovanni Suergiu questo succede grazie al lavoro di persone come il professore Mario Puddu, studioso di lingua sarda e di Anna Simbula Marras che, animata dall’amore per la tradizione, con passione dal 1976 si dedica alla recitazione di commedie in lingua sarda e alla scrittura di libri e commedie in lingua sarda, componendo ad oggi undici commedie e quattordici libri. Nella serata del 2 dicembre, Anna Simbula Marras e la sua compagnia teatrale “Sa Prama” hanno deliziato il pubblico presente con la rappresentazione del primo atto della sua commedia “Is Tzaracas de Madama Lara”, regalando fragorose risate e piacevole intrattenimento. La serata si è poi conclusa con musica e degustazioni di dolci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: